Informazioni Generali

Una volta un vecchio porto con nulla di cui vantarsi, ora Alicante è stata riformata in un’attiva cittadina della costa, localizzata nella splendida Costa Blanca, con montagne e spiagge a sua disposizione. Si tratta della seconda città più grande della regione di Valenzia. Con il suo clima Mediterraneo è possibile visitarla tutto l’anno, con estate con una media di 32˚ ed inverni miti con una temperatura intorno ai 16˚.
L’economia di Alicante si basa sulle esportazioni di beni spagnoli, sul suo turismo e il suo vino, mantenendo tuttora un fascino tipico spagnolo. Con musei, bar, ristoranti e discoteche in abbondanza, questa città ha qualcosa da offrire a chiunque vi si rechi.
Con festival, come in tutta la Spagna, Alicante è una città che ospita il festival di San Juan verso la fine di giugno, con processioni di teste enormi di cartapesta, e ‘hogueras’ (falò). Da non perdere!

La Storia

Alicante ha una storia lunga e complessa alle spalle, a partire da tribù di cacciatori raccoglitori dal 5000 AC provenienti dall’Europa centrale che si insediarono nelle aree circostanti. Commercianti greci assisterono allo sviluppo della civilizzazione tra gli iberici nativi che includeva l’introduzione di un alfabeto. Durante il 6th secolo, Roma combatté per il comando della penisola Iberica e colonia fortificata di Alicante fu costruita in questo periodo. Il ruolo dei Romani nella penisola Iberica che durò 700 anni fu seguito poi da quello dell’occupazione Araba e poi dei Mori che durarono fino all’XI secolo.
Una città pesantemente influenzata dalla Guerra, Alicante beneficiò successivamente dalle dominazioni e fiorì durante l’Età dell’Oro, anche se per un breve periodo, così come nel XVII secolo, quando i braccianti mori furono spietatamente banditi da Valezia da Filippo III. Ciò causò numerosi problemi alla regione, dal momento che il loro commercio ebbe un crollo e i problemi monetari furono sempre più importanti. La coalizione della popolazione Valenziana e Carlo nella Guerra di successione spagnola provò senza successo a indebolire la regione lasciandola senza economia, all’epoca della vittoria di Filippo.

Confidando nella propria produzione agricola durante i due secoli successivi, Alicante soffrì ma l’economia della città iniziò a durante la Prima Guerra Mondiale quando fu creato il porto e divenne la chiave delle esportazioni della città. Il 1931 vide l’introduzione della Repubblica Spagnola e 5 anni dopo nel tardo 1936 Alicante fu una delle ultime città ad essere prese dal Generale Franco, vittorioso nella Guerra Civile. Dopo l’amaro periodo della dittatura di Franco, in Francia, Juan Carlos I contribuí all’autonomia di Alicante e di altre città Valenziane.

Cosa fare ad Alicante

Musei e Monumenti

Dipinti? Sculture? Castelli? Non mancano ad Alicante. Stupisciti con gli impressionanti panorami dalle fortificazioni del Castillo di Santa Barbara. Seguine i passaggi e permetti che ti dirigano in giardini ricchi di sculture. Se il tuo arrivo è legato al Festival di San Juan, visita il Museu de Fogueres, che narra e presenta in maniera interessante ed approfondita la storia della festa. Per gli entusiasti delle belle arti ci si può recare al MUBAG (Museo de Bellas Artes Gravinas) dove esistono trattamenti 2×1 presso la villa del 18° secolo al suo interno.

Booking.com