Informazioni Generali

Huesca (in aragonese “Uesca”) è una città spagnola capitale della provincia di Huesca, che appartiene alla comunità autonoma di Aragona.

La Storia

Nel V secolo i Visigoti penetrano nella zona settentrionale della regione di Aragòn. Utilizzano la grande quantità di strade esistenti. Trovano un territorio fortemente cristiano. Le postazioni di guardia presso le frontiere e gli insediamenti agricoli (sotto forma di grandi tenute) si moltiplicano rapidamente.

Nell’anno 714 i musulmani arrivano a Huesca. Huesca è la capitale di uno dei distretti della Marca Superiore di Al-Andaluz. Nonostante questo, le spedizioni punitive bloccarono più volte il territorio, facendo fuggire la popolazione verso le vallate alte.

I Franchi tentarono di prendere posizione nella zona settentrionale della regione di Aragòn. Nell’anno 833 Galindo Aznàrez I entra nella valle di Echo e costruisce un forte militare e intesse relazioni con gli abitanti locali, oltre che fondare un monastero, San Pedro de Siresa. A poco a poco il potere carolingio diminuisce e i conti diventano conti di Aragona e pertanto nasce così il Contado di Aragona. A poco a poco il territorio viene conquistato e si creano nuovi monasteri, come quello di San Juan de la Peña, San pedro de Jaca, ecc. Dopo la unione con il regno di Pamplona, in seguito ad un accordo matrimoniale, incomincia la cristianizzazione della valli, spinta dai monasteri, e l’emigrazione di coloni della regione di Navarra.

Dopo la ripartizione del regno tra i suoi figli, il territorio che corrisponde all’Alto Aragòn ricade su Ramiro I, che diventa così il primo vero re di Aragona, Ribagorza e Sobrarbe. Suo figlio Sancho Ramirez fonda la capitale a Jaca. Le conquiste si estendono fino a raggiungere la capitale, Huesca, dove muore colpito da una freccia musulmana.

Pedro I conquista Huesca e trasferisce lì la capitale. Alfonso I prosegue la conquista dei territori, prendendo Saragozza. Alla sua morte regnò suo fratello Ramiro Il Monaco, famoso per l’episodio della Campana di Huesca. Dopo il matrimonio di sua figlia Petronila con il conte Ramòn Berenguer IV di Barcellona, nasce suo figlio Alfonso II, creando così la Corona di Aragona.

 

Monumenti di Huesca

Cattedrale di Huesca: splendido edificio degli inizi dello stile gotico. Fu costruito nel 1354.

Monastero di San Pedro el Viejo: chiesa romana (secolo XII), chiostro e panteon reale dei re di Aragona.

Basilica di San Lorenzo: dedicata al patrono della città. Edificio barocco a pianta vestibolare costruito nel 1606 su richiesta del popolo.

Chiesa – Convento de San Miguel: chiamato popolarmente “del las Miguelas” per essere occupato da suore carmelitane. Insieme di tardo-romanico, vicino al fiume Isuela e al ponte San Miguel.

Santuario de Salas: nella zona periferica dell’abitato, vicino alla zona degli orti. Stile romanico. Vicino alla strada romana Ilerda-Osca e al Cammino di Santiago. La Vergine di Salas è molto citata nei càntici di Alfonso X il Saggio.

Municipio: questo palazzo fu costruito tra il XVI e il XVII secolo. Da notare: la Campana di Huesca del XVIII secolo. Fu costruita sulle fondamenta di un’antica città romana, costruita da Quinto Sartorio. Ospita il Patronato Comunale del Turismo, l’Archivio Municipale, l’ufficio comunale delle opere pubbliche…

Il Belvedere di Guara: da lì, si può ammirare il Pic del pozal di Guara (2077 mt di altitudine), è il punto più alto della regione.

Università di Huesca: fu la prima università della provincia e la più importante tra il XIV e il XIX secolo. Fu costruita nel 1354 e le porte si sono chiuse nel 1845.

La muraglia: fu costruita dai musulmani nel IX secolo.

Palazzo Reale dell’Università: di stile romano del secolo XII, questo edificio venne rinnovato diverse volte tra il XIII e il XIV secolo.

Coso: si tratta della “plaza de toros”.

Casino: del XX secolo, un edificio di stile moderno.

Musei

Museo archeologico provinciale: lo stile è moderno. Si possono ammirare i resti archeologici della regione e una collezione di dipinti e affreschi di arte primitiva e gotica della regione.

Museo Diocesano della Cattedrale: due sale trattano dell’arte sacra medioevale. Vi sono opere piuttosto famose, come i murales di Bierge, la ancona di Santa Maria di Salas, due teste romane del II secolo.

Centro di Arte Contemporanea di Aragona: fu creato da Rafael Moneo. Si trova il Legado Beulas.

Booking.com