Informazioni Generali

Logroño è una città ricca di storia e tradizioni, tramandate sin dal Medioevo.
Il Cammino di Santiago rese Logroño uno dei villaggi più importanti del percorso; vi si trova un interessante complesso monumentale strettamente connesso al tradizionale passaggio dei pellegrini.

Logroño era la Vareia dei Romani, citata dagli esperti di geografia come una delle soste principali sulla strada che dall’Italia conduce alla Spagna.
La città conserva tutt’oggi numerose rovine.

Sancho Abarca, re di Navarra, si installò nella città per garantire il passaggio dell’Ebro e l’accesso alle terre prese dai Musulmani dopo la battaglia di Clavijo.
Una nuova popolazione si insediò dall’altra parte del fiume.
Un palazzo per i re di Navarra venne costruito nel 1044 nella rúa Vieja, strada principale.

Nel 1095, la Rioja si trova nelle mani di Alfonso VI, re di Castiglia; egli consolida la sua conquista a Logroño promulgando una legge che garantisce la libera circolazione sopra il ponte.
L’obiettivo è garantire la prosperità economica.

Nel secolo XIII, si costruiscono mura per fortificare la città. Il castello sarà distrutto nel XVIII secolo.

 

Musei e Monumenti di Logroño
Museo de la Rioja

Il museo è ospitato nel palazzo di Espartero, un edificio barocco del XVIII secolo. dipinti reperti e sculture dal XII al XIX secolo, anche se si possono anche trovare oggetti di avorio e argento. C’è una sezione dedicata all’etnografia, e un altro per l’arte contemporanea.
Cattedrale di Sta. Mª de La Redonda
E ‘stato costruito su un antico tempio romano del XII secolo, anche se l’edificio risale al XVI secolo. Ha acquisito il rango di Collegiata quando si è fusa con San Martin de Albelda, nel 1453. L’edificio ha subito diverse riforme nel XVI secolo, il XVIII e il fine del XIX secolo. Co-cattedrale è stata dichiarata nel 1959. Ha tre navate e tre absidi poligonali. Al suo interno ci sono diverse cappelle e diverse tombe. All’esterno, le sue torri gemelle costruite da Martin de Berriatúa.
Chiesa di San Bartolomeo
La chiesa fu costruita nel XIII secolo e restaurata nel XV secolo. La chiesa è a tre navate, divise da pilastri poligonali, in loro è la crociera. Tutta la chiesa è coperta con volte. La maggior parte della costruzione lungo con la facciata è gotica. La facciata è noto per la sua iconografia, descrive episodi della vita di San Bartolomeo. Sulla parte esterna della torre moresca.
Chiesa di Santa María de Palacio
La chiesa è così chiamato perché è stato costruito sulla base di un palazzo donato da Alfonso VII di Castiglia. egli è anche conosciuto come “La Aguja” o “La Imperial”. Il tempio fu fondato nel XI secolo, ma fu ricostruita nel XII secolo, e ampliato nel XVI secolo. La chiesa è a tre navate finiti nelle cappelle absidali. Sulla crociera cupola ottagonale, che si estende verso l’esterno nella torre stile gotico piramidale si alza.
Parco Naturale della Sierra Onion
È una delle regioni meglio conservate in termini di fauna e, soprattutto, nelle grandi foreste.
Il parco fa parte delle montagne centrali del iberica nord, nella regione di Cameros, al confine con la provincia di Soria. In questa area protetta sono alcuni dei migliori esempi di popolazioni forestali del iberica. Tra questi spiccano gli stand naturali di pino, faggio e Rebollar, e altri più eccezionale come betulla, quercia e montane pino nero. appaiono anche, tiglio, olmi montani, tasso, Aspen e frassini. Tra i mammiferi si segnala specie come volpi, cinghiali, cervi, scoiattoli e gatti di montagna nelle foreste, e la lontra e topo muschiato dei Pirenei nei fiumi. Ci sono numerose specie di uccelli della foresta rapaci, come l’astore, falco pecchiaiolo, l’aquila minore, la poiana e il biancone. uccelli notturni sono anche visti come il gufo comune e l’allocco. La sega è considerata come una zona di importanza internazionale per il passaggio degli uccelli migratori.

Booking.com